http://www.oggicucinamirco.it/fagottini-al-vapore-ripieni/ 

 

A metà strada tra i ravioli cinesi al vapore e i momo nepalesi, i fagottini al vapore ripieni al ragù bianco di pesce sono una bomba di gusto! Ideali come antipasti finger food e ottimi come primo piatto ricco ed elegante.

 

Precisiamolo subito: i fagottini al vapore ripieni al ragù bianco di pesce sicuramente non rientrano nelle “ricette last minute per mariti nel panico”!  Mi piace però pensare che qualche marito di buona volontà  e qualche brava mogliettina vorrà cimentarsi nella preparazione.

 

L’idea e le origini

 

L’idea per preparare questi fagottini al vapore l’ho avuta perché qualche settimana fa, in un ristorante di sushi e cucina cinese, ho preso i ravioli al vapore. Ho pensato allora di rifare una versione più italiana ma lasciando alcuni elementi della cucina asiatica.

 

I ravioli cinesi sono uno degli alimenti maggiormente amati e consumati nel nord-est della Cina. Si tratta di un involucro di pasta ripieno di diversi ingredienti: carne, verdure, frutti di mare, misto carne e verdura, etc. Una volta preparati possono essere cotti in differenti maniere: bolliti in acqua, cotti al vapore, etc.

In Cina uno dei metodi più usati per la cottura del raviolo è bollito. Una volta bollito può poi essere cotto alla griglia e condito poi con differenti salse, la più comune è la salsa di soia.

 

La forma che ho voluto dare io ai miei fagottini al vapore ricorda un pò i momo.

 

I momo sono un tipo di raviolo originario del Nepal e del Tibet ripieni di carne o di verdure classificabile anche come street food, molto simili ai ravioli cinesi. Il ripieno tipico è quello a base di carne e spezie, o, nella versione vegetariana a base di patate, verze e peperoncino. I momo sono accompagnati sempre da una salsa nella quale vengono inzuppati: piccante come l’achar, rinfrescante come il chutney di coriandolo, piccante come la salsa al pomodoro, zenzero e sesamo.

La mia versione “italianizzata” vedrà un ragù bianco di pesce, speziato con verdure e zenzero e, al posto della salsa, qualche goccia di un aceto importante (non quelli da supermercato, per intenderci!): l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP dell’Acetaia Malagoli Daniele. Questo aceto è il valore aggiunto al piatto: oltre che sui fagottini, ne ho usato qualche goccia nell’acqua con cui li ho cotti al vapore.

http://www.oggicucinamirco.it/gamberi-mango-avocado/

 

Il cocktail di gamberi con mango e avocado é un antipasto che si prepara in pochi minuti e che combina pesce con frutta esotica, un connubio molto usato anche nei grandi ristoranti.

Primo giorno di primavera, torna la voglia di mangiare qualcosa di fresco, gustoso e che ci avvicini all’estate. Ho voluto preparare un’antipasto colorato e gustoso  che ricordasse il famoso cocktail di scampi ma senza salsa rosa e con l’aggiunta di frutta esotica e qualche altro ingrediente che lo rendesse altrettanto squisito: cocktail di gamberi con mango e avocado.

I frutti esotici che ho utilizzato sono il mango e l’avocado. A questi ho unito una cipolla rossa di Tropea (a contrasto del dolce del mango) che se non piace potete omettere, semi di sesamo (per la nota croccante), sale nero di Cipro, sale e olio.

Il tutto condito con qualche goccia di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP dell’Acetaia Malagoli Daniele, una delicata nota acidula che ha impreziosito l’antipasto.

Come da tradizione per il cocktail, ho servito tutto su un bicchiere da cocktail Martini, un modo molto carino per portare in tavola gamberi con mango e avocado.

 

http://blog.giallozafferano.it/settesfoglie/peperoni-in-agrodolce/

 

PEPERONI IN AGRODOLCE

 

 

I peperoni in agrodolce sono un antipasto gustoso, servito con crostini di pane o come contorno accompagnando carne o pesce. Sono facili da preparare e la goccia a crudo dell’aceto balsamico tradizionale di Modena dop dell’Acetaia Malagori Daniele usato da me, a fine preparazione, rende il piatto unico. Noterete in foto il vero balsamico tradizionale in bottiglia Giugiaro! Vi consiglio con lo stesso procedimento di provare anche le cipolline.

Ingredienti: 700 grammi di peperoni gialli e rossi, 50 grammi di olio di oliva, mezzo spicchio di aglio, 30 grammi di zucchero, 2 cucchiaini di sale, 40 grammi di aceto di mele, pane alla curcuma tostato Sottolestelle, aceto balsamico dop Malagori.

Procedimento: Insaporite l’aglio con l’olio di oliva. Unite i peperoni privati dei semi e dei filamenti, tagliati a striscioline di 5 cm, il sale, lo zucchero e l’aceto di mele. Mescolate di tanto in tanto e cuocete circa 20 minuti a fuoco basso con coperchio. Dipende dalla carnosità dei peperoni, potete controllarli anche dopo 15 minuti di cottura. Nel frattempo tostate il pane, io ho utilizzato la mia nuova bistecchiera acquistata nello shop on line Puntowatt e a fine cottura dei peperoni servite tiepidi con una goccia di aceto balsamico tradizionale di Modena dop.